domenica 4 giugno 2017

METROPOLITANA


Uscire dalla metro a volte è come rifiatare da un'estenuante apnea, specie quando la calca ti si modella addosso con le forme e gli interi odori dell'umanità.


Oggi è cosi, sono stanco, uno straccio, m'è caduto pure il biglietto in mezzo a mille scarpe e solo piegarsi è impossibile.. figuriamoci raccoglierlo.. ma chissenefrega.. sudore e stanchezza e gente che ti ruba gli unici dieci centimetri di "apposito sostegno", non riesco neppure ad avvicinarmi alle porte e la fermata s'avvicina.. si aprono finalmente dopo venticinque minuti di abbandono disarmante, d'impotenza respiratoria e sfrucugliamento apatico di volti spossati, orbite inermi, gente più stravolta di me. 

Sfiatano via cosi altri stracci umani senza respiro, io riprendo aria sulla banchina mista a puzzolenti scorie di freno ed ora facciamoci queste rampe di scala che mi separano dall'ultimo sole di giornata.

Scala mobile rotta. Non avevo dubbi.

E gli scalini fermi delle scale mobili sembrano macigni invalicabili giunti a quest'ora, affogati di pensieri e di residuo lavoro appiccicato addosso.


Cominci a salire e la rampa non finisce mai, giro l'angolo e, meno male: quest'altra funziona, e scansiamoci pure perché c'ho i soliti idioti che corrono, ma che se corrono dico io!.. 
Ti devi mettere sulla destra per far passare quelli che hanno fretta se no ti montano sopra... almeno stiamo arrivando, un altro paio di rampe e via, ora che arriviamo in superficie riattivo pure il cell.. e figurate se ti dà la linea... fanno i cellulari iperbolici e come gli metti un tetto sopra sparisce la linea... 
wifi un ciufolo!.. questi se non lo vedono il satellite non funzionano!... 
la prossima rampa me la faccio a piedi anch'io però... sono stufo.. 
voglio uscire, manca l'aria qua dentro, forse le miniere cilene sono meno peggio.. 

ma che strano.. non c'è più nessuno.. e nessuno neanche a scendere e, soprattutto: mi ricordavo quattro rampe, e non l'ho già fatte?! Qui si continua a salire.. sto rimbambendo? 


E possibile che sia rimasto solo? Nessuno scende e nessuno sale... ma che ora è? 



Forse siamo arrivati dai.. ecco la curva.. e poi c'è l'atrio.. NO!! Non è possibile, ancora una rampa.. calma dai! 

Ragiona.. abbiamo preso una deviazione interna? 
No dai, non ci sono biforcazioni o altre uscite... 
c'erano solo una serie di scale ma con cunicolo bidirezionale, si sale e si scende..! 

E sono anni che la faccio.. ma questa non arriva da nessuna parte, non arriva mai!... e sono solo.. il telefono, ecco, mo' chiamo fuori.. e no, cazzo non funziona!... niente campo... ditemi che sto sognando.. intrappolato nel sottosuolo, ma che è Asimov? 



Svegliatemi vi prego!... adesso urlo, giuro che urlo, fatemi uscire vi prego!.. ma non c'è nessuno? Dove sono finito? 

Solo 'sti neon maledetti che riflettono il ghiaccio che mi sta gelando, sudore gelato.. stai calmo ora, fai mente locale.. quando sei sceso dal treno? 
A che ora è iniziata la salita? Stavi sopra pensiero? ...magari hai fatto una sola rampa ed hai avuto un semplice giramento.. 
ok, ok.. può essere, ma gli altri?.. dove sono tutti gli altri, sono svenuto e la metro è chiusa? 

Mi hanno lasciato qua come nei peggiori incubi? Riscendere?! 
No.. siete pazzi.. giù non ci torno, piuttosto crepo qua.. ci sarà un'uscita, una fine! Dannazione.

Voglio usciree!! 



Si, ora grido, e quasi il grido mi si strozza in gola... sento dei passi... qualcuno scende, e di corsa anche... finalmente! 
Ma viene giù sparato... fermati! Ehi fermati!! Ma siamo in un incubo! Cosa ti corri? 

... è un ragazzetto tutto trafelato.. con quei pantaloni sbracati che vanno adesso ed il cappelletto da baseball calato sugli occhi... mi guarda e dice: 


“Presto, si non c'hai er bijetto torna indietro, ce stanno i controllori su.. stanno a fa piagne tutti... è 'na strage.. mannaggia alla Raggi!!”

...Indietro?!? Indietro NOOOOO!!!






47 commenti:

  1. Bene bene. Se non ti succedeva questo casino immane a noi cosa raccontavi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la metro coi suoi deliri che ispira.. questi incubi quotidiani ai quali non facciamo più caso... ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ma adesso te sei scooterizzata, m'è sembrato de capi'.. ;)

      Elimina
    2. No, macchina...
      Lo scooter ciaone 😁

      Elimina
  3. La metropolitana..frequentata solo a Parigi, durante la gita scolastica di quinta superiore. Un'esperienza traumatica per chi non ama molto la confusione XD, roba che la fila per salire sulla corriera o quella del treno è appunto un'esperienza gratificante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per vedere quella (nuova) di Napoli, ho appositamente pagato il biglietto solo per scendere e godermela fino alla banchina.. spettacolo puro.. ;)

      Elimina
  4. Essendo comoda per gli spostamenti, viene usata da tante persone e spesso si viaggia male.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scoccia sempre prenderla, specie a Roma, ma indubbiamente... le alternative sono ancora peggiori...

      Elimina
  5. Un labirinto infernale escheriano :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.. era quella l'idea.. ci mancava Lynch.. ahah

      Elimina
  6. Mio Dio, m'è venuta un'ansia a leggere. Sarà che la metro non l'ho mai presa volentieri, ogni volta mi sono sentita stramaledettamente in trappola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ed era proprio ansia che volevo provocare.. lo ha letto mia moglie in anteprima e quando ha detto: "che ansia però.." ho capito che andava.. ahah

      Elimina
  7. Bello questo post, mi sono divertita molto a leggerlo, un crescendo con sorpresa finale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contento di averti sorpreso.. a Roma è facile sorprendersi.. solo che spesso sono negative (le sorprese..)

      Elimina
  8. Sei condizionato dalla metro di roma, quella di Milano è foriera di bei racconti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Milano ricordo una vita fa quando inaugurarono credo la gialla con i faretti sulla linea che ti separa dal bordo banchina... tornai a Roma pensando "Ma dove abitiamo noi.. nel medioevo?"..

      Elimina
  9. Un po' di claustrofobia questo tuo racconto D:
    Qui da me non c'è la metropolitana, siamo arretrati, ma a sto punto meglio XD Visto che l'hanno nominata a me la metro di Parigi è piaciuta. Purtroppo però è incasinata: se sbagli fermata tornare indietro non mi pare facilissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me so' perso a Londra.. ma poi c'ho preso la mano..

      Elimina
  10. ed io che non sono mai andata in metropolitana cosa racconto?
    La streghetta bugiarda-
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché sei bugiarda o perché abiti dove puoi benissimo muoverti a piedi? Sappi che ti invidio.. ;)

      Elimina
    2. Sempre dove avevo il mondo sotto i piedi, poi i 10 anni di Milano, nel più bel cortile del quadrilatero della moda, e Montenapo mi sorrideva, sono stata, a guardare dal di fuori, "fortunata" e lo sono anche adesso in questo luogo che lascio dopodomani. Nessuno è degno del sentimento della nostra invidia.

      Elimina
  11. La metro di Roma pare un girone dantesco da come ne parli.

    RispondiElimina
  12. Io da tempo quando salgo in metro incrocio le dita e tra me e me mi dico "...e se ci fosse un kamikaze ? Speriamo bene :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ormai è un classico studiare i tipi che hai vicino, controllare i bagagli posati a terra, individuarne i proprietari, cambiare vagone se qualcuno insospettisce.. scendere e aspettare addirittura il convoglio successivo se i sensori d'ansia d'allarme si agitano troppo.. che vita... :(

      Elimina
    2. ......non è un bel e buon vivere ...che ne dicano quelle facce di merda di giornalisti , la nostra vita è cambiata .. Ciao Frank Battle :)

      Elimina
  13. Sono, lo sai, una milanese che ha visto e soprattutto sentito nascere la prima linea della Metro quella rossa. Non mi perdo, non mi sono mai persa ma non mi piace. Oggi alla Metro preferisco il tram o l'autobus. Ogni rumore sospetto mi fa sobbalzare. Meglio vivere la città in superficie.....Ciao Franco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potendolo fare preferisco anche io mezzi di superficie.. poi un conto è usare la metro per lavoro, un conto è quando fai il turista, in ferie, e stai sereno, senza fretta e a mente sgombra.. ;)

      Elimina
  14. E' che la metro di Roma è un po' inquietante perché vecchiotta ma cmq va. Certo non è come quella di Milano ma almeno l'avete. Che post da incubo, sono sudato marcio dalla tensione alla nightmare che hai creato con questo post :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Danie'.. è un sogno ricorrente quello delle scale perpetue, dei tunnel senza sbocco, dei vagoni del treno che non finiscono, delle autostrade senza più caselli.. anssssssiaaaaaa

      Elimina
    2. @Daniele....la M5 di Milano è Driverless ............OO

      Elimina
  15. Ma è realtà o un incubo dovuto a una cena pesante, quello che hai descritto nel post?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farfallina.. incubo strettamente collegato a quotidiana realtà... ;)

      Elimina
    2. ReAnto R 6 giugno 2017 01:03 Un paio di anni fa a Torino. Oggi, a quanto leggo, per mia fortuna, in un cascinale ristrutturato ma non ancora terminato, nelle colline delle Langhe: Monticello d'Alba

      Elimina
    3. Mamma mia Franco! Coraggio caro amico...

      Elimina
  16. La metro mi mette ansia. Sarà che mio padre era minatore e io vivo in collina?
    O___o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..accidenti... ci credo... anche a me piacerebbe vivere, non dico in collina, ma sicuramente in provincia, dove magari ti sposti a piedi (nel periodo in cui ci ho lavorato, mi muovevo a piedi anche dentro Firenze, figurati..)

      Elimina
  17. La "nostra" (?!?) metro è davvero 'na schifezza. A parte che due linee sono del tutto insufficienti, ma qua dovunque scavi trovano un piatto degli antichi romani e si blocca tutto... oppure se magnano tutto (anche più spesso di quanto trovano i piatti)... in generale, poi, il servizio è pessimo. Davvero, ho visto metro in altre città d'europa (e vabbè) ma pure in italia (Milano) e... boh...
    Comunque amen, dico tutto questo quando fra... meno di 2 ore sarò proprio lì dentro a subire tutto questo... e forse oltre, chissà, al peggio non c'è mai fine ^^

    RispondiElimina
  18. Purtroppo nelle grosse città le cose stanno cosi, di una cosa sono contenta vivendo in una piccola città, che tranne per le ore del mattino molto presto, a volte trovo anche posto per sedermi nei mezzi pubblici di trasporto... :D

    RispondiElimina

Sottolineature