venerdì 26 maggio 2017

TORINO A MODO NOSTRO


A Torino essenzialmente per il Salone del Libro, sogno nel cassetto da anni ormai. Arriviamo nel primo pomeriggio di domenica, dalla Stazione Porta Nuova all'hotel, vicino La Mole, una passeggiata di quindici minuti, tra strade ben delineate, palazzi austeri, comodissimi portici e pochissime persone in giro.. il tempo di marcare il territorio in hotel e ripartiamo al volo: visita prenotata al Museo Egizio, per fortuna tutte le maggiori attrazioni sono concentrate in un fazzoletto, e mentre andiamo, anche il tempo di assaporare un primo, meraviglioso, gelato che ci lascia subito estasiati.


Il Museo ci ubriaca da par suo di bellezza e storia palpabile.. la guida ci coinvolge con passione e competenza.. all'uscita becchiamo pure i festeggiamenti della Juve Campione d'Italia.. ma una cosa che è l'equivalente di un festeggiamento a Roma quando Totti segna col cucchiaio... tutto misurato, pacato e  gioioso ma anche discreto e senza inutili deliri.. giriamo serenamente tutto il centro, tra Piazza Castello e dintorni, vialoni alberati, piazze enormi, un'idea di gestione dello spazio soltanto chimerica per noi indigeni romani.. e attorno tutta gente sorridente e paciosa.

Anche se non ci credete... questa foto è in "pieno centro"..
E' singolare pensare che la toponomastica cittadina ricalchi la struttura a scacchiera delle antiche città romane: lunghe strade dritte che si incrociano tra di loro in un reticolato ordinato e preciso. Paradossalmente, l'esatto contrario della demenza urbanistica della città romana per eccellenza: Roma, appunto.

Portici, portici, portici... ;)
Lo spettacolare "bicerin".. esplosivo mix di panna, caffè e cioccolato.. 
E qualcuno potrebbe pensare che era domenica, facile trovare tutto piacevolmente vivibile. Sbagliato: lunedì usciamo e sembra un agosto romano, automobili col contagocce, nonostante il giorno lavorativo ci si muove distesi e rilassati.

La Mole dal Palazzo Reale

Dalla Mole prendiamo un autobus che si fa attendere pochissimo, imbocca un rettilineo attraversando praticamente tutta Torino fino al Lingotto Fiera, dove impazza il Salone del Libro: sedici fermate con una sola svolta in tutto il tragitto.. ovvio che ne guadagni la circolazione, la viabilità, l'orientarsi; e tutto assume un senso di ben disposto, di comodità che rasserena il visitatore. 


Anche il Salone, immenso, rende la visita piacevole, spazio tra gli stand, non come a Roma, a Più libri più liberi dove sei stritolato tra espositori, libri e visitatori.. vero anche che è giorno feriale e che mi raccontano di scene apocalittiche nel weekend.. ma noi siamo “fubbi”, e abbiamo evitato i giorni di punta... 


ora ci godiamo anche le vette della Mole e il Museo del Cinema, agnolotti ai tre ragù bianchi e brasato al Barolo,  e ce ne passeggiamo in una serata che ci incarta tiepida tra luci, portici e il Po che bisbiglia quieto.






52 commenti:

  1. Non hai parlato delle residenze sabaude.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Palazzo Reale ce lo siamo spulciato tutto.. mostre, stanze, armerie, giardini.. l'ala fiamminga è uno spettacolo!

      Elimina
  2. La caratteristica principale dei suggestivi racconti turistici di Franco è che - sia che abbia visitato una grande città o un paesino - riesce sempre a trasmettere un senso di quiete, come se riuscisse a fermare il tempo in una bolla, osservare e restituirci ciò che vede sotto forma di immagini e descrizioni.

    Certo, Torino di lunedì è molto meno caotica di Roma :D.

    Comunque che sfiga beccare Torino il giorno dello scudetto della Juventus...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre un tesoro.. mia moglie mi fa, in piena Piazza San Carlo gremita di bianconero: "E se gli dico che sei del Milan?!?"... m'è toccato pagaje la cena... ahah

      Elimina
    2. Non mi ricordavo fossi rossonero, se me l'avevi detto...perdona la dimenticanza.

      W Fassone <3

      Elimina
  3. Negli anni della Milano da bere, sarebbe stato un paradosso dire "andrò a Torino il prossimo W/E". Oggi è diventata una meta culturale, enogastronomica e di movida, impensabile soltanto pochi anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. io me la berrei ancora adesso Milano.. ho un consistente debole per quella città.. (e a prescindere dal tifo..)

      Elimina
    2. Gingi:

      Profilo non disponibile
      Impossibile visualizzare il profilo Blogger richiesto. Molti utenti di Blogger non hanno ancora deciso di condividere pubblicamente il loro profilo.
      Se sei un utente Blogger, ti consigliamo di abilitare l'accesso al tuo Profilo.

      Elimina
    3. scusa Gus , purtroppo qualcuno ha inserito la musica, gli ho dato la pass, non so cosa fa fatto per entrare in quanto google lo bloccava e non aveva il mio cell, per la verifica, morale, ho perso tutto compreso tre mail. Adesso riprovo a vedere tramite le impostazioni

      Elimina
    4. Grazie, credo di aver risolto

      Elimina
  4. Non conosco Torino: ho sempre rinviato la visita, ma credo che sia arrivato il momento per farla. Io non metterei a confronto la città sabauda con la capitale d'Italia: sono due città completamente diverse e i paragoni non reggono. OK i vialoni alberati, OK le strade dritte e squadrate. Ma vuoi mettere la suggestione, l'incanto e la bellezza che ti offre ogni angolo di Roma? Senza traffico, naturalmente!!! e senza spazzatura!!! E poi, diciamocelo: la Juventus è una squadra antipatica. Come tutte le squadre più forti della Roma e della Lazio. :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Remigio sei un grande!.. ahah.. metto per forza a confronto Roma, ovunque vada.. e ne esce sempre male.. ma sai come la penso e come continuerò a ribadire sempre: Roma è la città più bella del mondo: cinque giorni al massimo. Io ci risiedo, ci lavoro, mi ci muovo (ahah..), la subisco, ci vado in posta, in ospedale, prenoto un teatro o un ristorante un mese prima.. non me la godo certo. Sai da quando sono scaduti quei "cinque giorni"?!... da troppo!!!

      Elimina
  5. Sono contento che ti sia piaciuta ma sappi che è normale che il centro sia così. Se andavi in corso Orbassano o corso lecce col cazzo che non trovavi traffico

    Hai visto il meglio insomma

    Sei andato nei ristoranti che ti ho suggerito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mangiato da dio a La via del sale (vicino la Mole) e alla trattoria Cirio (Corso Moncalieri oltre Parco Valentino).
      Bicerin da sturbo ovunque (Via Po e Piazza San Carlo) ;)

      Elimina
    2. Che due goderecci di amichetti ho io...
      Mi fate sentire sempre così provincialotta ;P

      Elimina
    3. Il vero bicerin lo trovavi dietro la Consolata (una chiesa vicino a Porta Palazzo)

      Elimina
  6. Vivere a Roma fa parte degli sport estremi nel mio concetto di vita.. città meravigliosa ma impegnativa ;)
    Ho fatto gli stessi giri con mio figlio un paio di anni fa, con obbligo di visita allo Juventus Stadium e commozione totale al museo Egizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e commozione cerebrale allo Juve Stadium.. ahah

      Elimina
  7. Che voglia di Torino in questi giorni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peri Salone.. si.. a me manca la dimensione provinciale di Torino.. io sono stufo del semplice prendere un appuntamento dall'altra parte della città.. martedì, al ritorno, per dirne una: in treno da Firenze alla stazione Termini un'ora e mezza, da lì a casa nostra (quindici chilometri) due ore e mezza (e la maggior parte del percorso in metro) ..eddai su..

      Elimina
    2. D: 15 chilometri in due ore??? Praticamente facevate prima a piedi.

      Elimina
    3. ...epperò tutti a Roma vonno veni'.. Roma de qua, Roma de là... venite venite... ;)

      Elimina
  8. Conosco bene Torino è una città bellissima ed il museo egizio è fantastico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere che per godere appieno del Museo Egizio, non devi essere mai stato a Il Cairo... ;)

      Elimina
    2. E non hai visto ancora tutto... da quel che leggo nel tuo post!

      Elimina
  9. Avrei voluto andarci a Torino, ma solo stadio e museum avrei sicuramente visitato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...potevi vedere anche Moggi al Museo Egizio.. ihih

      Elimina
    2. Anche Lapo, bettega & Co... e la B ...di serie.

      Elimina
  10. Sono andato a Torino e sicuramente ci sono molti posti da visitare.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  11. Eheh grande Frank!
    Ma forse non ti sei imbattutò nei tipi juventini di Ultrà :)

    Gran bella gita torinese.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli ultrà iuventini sono di Crotone.. ;)

      Elimina
    2. Ecco perché di sono salvati

      Elimina
  12. Risposte
    1. Per chi viene da Roma .. rilassante come poche..

      Elimina
  13. Sono anni che desidero visitare il Museo Egizio, ero ancora meno di un'adolescente. Riuscirò ad avverare questo sogno prima o poi? Torino non è poi in capo al mondo. Sono felice per la tua bella gita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai organizza.. Museo, fassona, bicerin e Mole.. poi torni ;)

      Elimina
  14. Torino...fare un complimento alla città che mi ha quasi rubato un figlio?!
    Mia nuora è figlia di torinesi.....e spesso sento mio figlio usare termini tipicamente appartenenti al dialetto di quella città. ..io milanese vedo subito "rosso-nero" . Lo disereeedo?
    SOno stata diverse volte a Torino.Sì è una bella città ma Milano è unica.e poi a dirla tutta non sono i milanesi "bauscia" i torinesi urka che rottura di aristocrazia.......

    RispondiElimina
  15. Torino...fare un complimento alla città che mi ha quasi rubato un figlio?!
    Mia nuora è figlia di torinesi.....e spesso sento mio figlio usare termini tipicamente appartenenti al dialetto di quella città. ..io milanese vedo subito "rosso-nero" . Lo disereeedo?
    SOno stata diverse volte a Torino.Sì è una bella città ma Milano è unica.e poi a dirla tutta non sono i milanesi "bauscia" i torinesi urka che rottura di aristocrazia.......

    RispondiElimina
  16. Ma Franco! Sei stato qui da me?!?... peccato non averlo saputo... avremmo bevuto un bicerin insieme (ma io amo il caffè..."solitario").
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo.. è stata veramente un'impresa ultraveloce.. non sono riuscito neanche a vedere un'amica carissima che sapeva della visita.. ;)

      Elimina
  17. Farò la voce fuori dal coro ma a me Torino sta antipatica a pelle.
    Non ci sono mai stata e, nonostante abbia parenti e ci sia stata per un anno una delle mie ex amiche più care (...) non ho mai desiderato andarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo a Lucia.. preferisco Milano.. ;)

      Elimina
  18. Grazie per questo omaggio alla "mia" città. Da migrante-ragazzina l'ho detestata (mamma Fiat non riscuoteva le mie simpatie), da adulta piano piano me ne sono innamorata grazie a Fassino e alle sue giunte. Una sola pecca: le periferie dimenticate.
    PS il salone del libro l'ho visitato anche io e personalmente credo che sia il migliore degli ultimi anni, forse ci voleva la concorrenza con Milano per farlo risvegliare.
    La prossima volta che capiti a Torino fatti un giro in collina: Superga (con il trenino), Cavoretto, San Mauro, Colle della Maddalena, Castello Medioevale, Giardino roccioso (scoiattoli compresi). Non basta un w. end. Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Superga me l'hanno detto in tanti.. certo il tempo era tirannissimo.. ma ce ne siamo presi anche per passeggiate calme, lunghe e incredibili come quella per l'intero Parco Valentino (borghetto medievale compreso) ;)

      Elimina
  19. Che bella questa tua cartolina di Torino, mi ricorda che, ancora una volta, prendo l'aereo per visitare città lontane e dimentico bellezze nostrane che ancora non ho visitato. Ti invidio per il salone del libro, sono anni che volevo farci un salto...

    RispondiElimina
  20. Una bella trasferta! In effetti la struttura urbanistica romana è molto diffusa ancora oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...tranne che a Roma... se escludi arterie tipo Appia Antica.. ahah.. abbiamo rovinato tutto!..

      Elimina
  21. a me Torino piacque......magari chissa in tempi brevi potrei tornarci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho apprezzata.. e per forza fai paragoni con Roma.. per forza noti le differenze con la tua irrespirabile vita quotidiana..

      Elimina
  22. Mi hai fatto rivivere la mia prima volta a Torino.
    La prima città "del Nord" visitata, quando per me città voleva dire -in rigoroso ordine di frequentazione- Salerno, Napoli, Roma (ma solo in gita!) e quella sensazione straniante di ordine e spazio vuoto che me l'ha fatta catalogare come "città disabitata".

    Poi, nel tempo, mi sono ricreduta e l'ho amata.
    Ma ce ne è voluto di tempo.

    RispondiElimina

Sottolineature