lunedì 3 aprile 2017

OTTO MESI


Otto mesi che non lavoro. Vittima di una sciocca caduta, e di circostanze ulteriori che continuano ad accavallarsi ritardando la necessaria fisioterapia, prima un'infezione alla protesi, poi calcoli improvvisi con relativa asportazione di colecisti.

Otto mesi di tempo sospeso, di pensieri lenti, di relazioni interrotte, di legami che nascono, di persone che svaniscono (a sorpresa), di altre che ci sono (a sorpresa), di rapporti confermati, di affetti consolidati, di parole carine, di sorrisi, di tempo per tanto altro, di persone che dicono di non preoccuparti, di altre che affermano di non coltivare aspettative, e di tempo che comunque non si trova.

Di sguardi dove avevo dimenticato di guardare, di parole non lette con la dovuta attenzione, di altre pronunciate con ritardo, di idee pensate senza riflettere troppo. Perché il tempo si dilata a dismisura, e si sparge come olio sulla tovaglia, refrattario al nostro fare ordine.

Otto mesi che a guardare dietro viene la vertigine, e a guardare avanti una strana consapevolezza.

Quella di vivere tutto il da vivere accarezzandolo per bene.  

36 commenti:

  1. Mi fa molto piacere vedere il tuo ritorno al blog.
    Ora apprezzerai di più le piccole cose della vita, per esempio non avere acciacchi di salute.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lentamente ma riprendo, ed apprezzo i particolari, le sfumature, i dettagli.

      Elimina
  2. Quando si è in un letto d’ospedale, quando si ha la sfortuna di avere un incontro ravvicinato con la malattia (e a volte con la morte) ci si rende conto – forse per la prima volta - di quanto sia importante la salute e di quanto la vita sia un dono inestimabile, che non sempre viene apprezzata e custodita come si dovrebbe. La malattia, in un certo senso, ti rende nuovamente bambino e ti permette di vedere il mondo rovesciato, un modo per osservarlo meglio anche nelle intercapedini, nelle sue innumerevoli sfaccettature. Si riesce a guardare e giudicare gli uomini e le cose in un modo diverso, con quella lucidità di pensiero che in altre occasioni viene offuscata dagli opportunismi, dalla disattenzione, dalla fretta; la malattia acuisce la sensibilità, ti trasporta in una diversa dimensione, e se da un lato ti fa soffrire, dall’altro ti migliora. Forza Franco!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido il commento di Remigio.
      Sono terrorizzata dal tuo prossimo post :D
      Quanti libri e film avrai visto? recensioni a go-go...
      dai ti prendo un po' in giro, ma sono contenta se questo periodo diciamo negativo e, in concomitanza della bella stagione, ti riprenderai alla grande.
      in bocca al lupo.
      da

      Elimina
    2. Grazie ragazzi.. spero di tornare in buona salute, di ritrovare serenità soprattutto...

      Elimina
  3. Risposte
    1. Un bacio bellissima.. spero di rivederti presto!!

      Elimina
  4. otto mesi sono tanti, ed è vero in situazioni come quella che vivi tu ma anche altre, si fanno delle scoperte nel bene e nel male strabilianti: persone che non avresti mai pensato capaci di gesti importanti e slanci d'affetto che invece ti ritrovi al tuo fianco e viceversa; In tutto questi capovolgimenti di fronte hai anche conferme. E' dura ma siamo tutti davvero con te. Bentornato a postare Franco!

    Daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Dani, conferme e delusioni.. ma ci sta.. come tutto nella vita..

      Elimina
  5. ammazza già otto mesi ??????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e senza lavorare!!.. chissà che trovo quando rientro.. ahah

      Elimina
  6. Io nulla sapevo. Così assente da questo mondo che mi sono persa questo brutto incidente. Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima te riesci a trasmettere saggezza anche senza apparire spesso.. poi di imprevisti ne sai ben qualcosa.. bacio!

      Elimina
  7. Grande LAMPUR :)
    Otto mesi sicuramente strani, ma ricchi -in bene e in male, e con una grande lezione che ti permetterà di godertela :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Otto mesi strani..e gli ultimi tre senza arrosticini...arghhh

      Elimina
  8. Bentornato a scrivere Franco, otto mesi, forza, e' vero, in questi momenti che conosci veramente chi ti vuol bene, chi ti sta vicino, anche solo, con un ciao.
    DAJE!!!!

    RispondiElimina
  9. Bel post Franco....
    Ti abbracciooooooooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che ti abbraccio davvero prestissimo... ;)

      Elimina
  10. Deve essere davvero dura vivere in questa sorta di limbo. E otto mesi sono tanti, io ti conosco da molto meno ma comunque ti auguro di uscire da questa sorta di empasse.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è una sorta di rallentamento temporale... vai a velocità ridotta mentre tutto attorno scorre come sempre.. e tu osservi.. e ti fai un'idea ...

      Elimina
  11. Ciao Frà,
    piacere di rileggerti, anche se noi non ci siamo mai "persi di vista" , nemmeno durante l'intervento ^__*
    Im bocca al lupo, socio, e sursum corda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei una persona fantastica.. e non lo scopro io!!

      Elimina
  12. Non tutto il male viene per nuocere, mi pare il caso di dirlo. Ma dopo questo periodo direi che è il caso di riprendere quota, anzi te lo auguro!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero.. importante è prendere il positivo, generare sensazioni utili, osservare diversamente questo tempo altrimenti trascorso come tanto altro prima, di corsa e spesso con la testa incasinata ... un abbraccio Pier ;)

      Elimina
  13. Sapevo delle tue frequentazioni ospedaliere ma non avevo capito che andassero avanti da così tanto. Mi dispiace.

    Ci vuol pazienza e tanta forza per trarre il meglio da quello che arriva. E, mi permetto, mi sembra che tu ne abbia in quantità.
    Resisti. Per come posso/possiamo da qui ma ci siamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quarto ricovero in otto mesi.. sto accumulando punti.. ;)
      ..serve tutto..specialmente verso se stessi..

      Elimina
  14. Spero per te che ci sia un vicinato interessante da osservare..inciuci; tradimenti; litigi; amori che nascono; traslochi; un enigma da risolvere..insomma un intrattenimento interessante fatto di affari loro, per i tuoi hai avuto fin troppo tempo per pensare
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..o si.. ti fai gli affari di tutti con un sacco di tempo a disposizione.. ahahah

      Elimina
  15. Già stai ingranando con la vita, lo dimostra questo post.
    I non dimenticare di accarezzare il "da vivere", sempre, te lo dice chi ci è passato e ritrovato un nuovo gusto nell'apprezzare il tran-tran quotidiano.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.. un "nuovo gusto" per le cose minime... che minime non sono.. ;)

      Elimina
  16. Scusa franco, la mia assenza, o scarsa presenza nel web mi ha fatto passare inosservata (se mai fosse traspirata dai tuoi scritti nemmeno riesco a intuirlo) questa tua parentesi (cavolo otto mesi!) di vita un po', come dire...non al meglio. L'hai però riassunta nel tuo post in una maniera concisa, chiare e "penetrante". Mi spiace Franco, ma credo (e leggo) che stai superando alla grande! ...com'è tua indole.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pino.. la tua sensibilità è indiscussa.. so che puoi carpire sensazioni da poche righe.. l'indole aiuta comunque, una sorta di fatalismo creativo che spinge comunque avanti... e guai se cosi non fosse... ;)

      Elimina
  17. Mi dispiace sinceramente per il tuo protrarsi di problemi di salute. Purtroppo, come dice un mio cugino dottore, il corpo umano è la macchina più perfetta e complicata che ci sia. A volte basta davvero poco per guastare un meccanismo, specie se altri ci mettono del loro.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.. vero.. a volte poi bastano eventi (s)fortuiti a farti crollare mille certezze...

      Elimina

Sottolineature